Curiosità

Scoperta e Manutenzione
  • Algapalla Marimo

    L'Alga dell'Amore Eterno

    LA SCOPERTA

    L’Algapalla Marimo è stata scoperta nel 1820 sulle rive del lago Akan nell’isola settentrionale del distretto di Hokkaido in Giappone.

    IL NOME

    Gli è stato conferito dal botanico giapponese Tatshuiko Kawakani nel 1898 che l’ha classificata come delle colonie delle stesse alghe scoperte nel lago Zeller in Austria. Il Marimo è inoltre presente in alcuni laghi Scozzesi, Islandesi e Australiani.

    PERCHÈ ALGA CHE DANZA?

    Degli studi scientifici hanno scoperto l’assorbimento di una grande quantità di nitriti, nitrati e componenti ammonici presenti nell’acqua da parte di quest’alga, che successivamente rilascia grandi quantità di ossigeno sotto forma di bollicine che movimentano così i suoi steli dando l’impressione di un continuo movimento.

    LA LEGGENDA

    Si narra che due innamorati in fuga dalle rispettive famiglie che volevano separarli, trovarono rifugio sulle rive del lago Akan. Esausti e stanchi di nascondersi, i loro cuori si trasformarono in Marimo per poter così vivere liberamente il loro amore e fluttuare insieme per l’eternità.

    TESORO NATURALE

    Visto l’alto numero di persone che ha cercato in passato di collezionare queste alghe, ha portato il Giappone a prendere provvedimenti per evitarne l’estinzione, dichiarando il Marimo “Tesoro Nazionale Giapponese” nel 1921.

    UN REGALO DI BUON AUSPICIO

    Il Marimo viene regalato come augurio per una nuova casa, una convivenza, una nascita, una nuova attività, un nuovo lavoro e qualsiasi altra situazione in cui si vogliano manifestare i sentimenti più profondi. Inoltre è un fantastico oggetto di design che può abbellire qualsiasi stanza e volendo può essere sempre tenuto appresso, addirittura nella borsetta.

    COME CI SI PRENDE CURA DELL'ALGA MARIMO?

    La sua manutenzione è molto semplice. Basta estrarla dal contenitore ogni 15 giorni circa, sciacquarla con delicatezza, strizzarla e cambiare l’acqua. La sua crescita è molto lenta, all’incirca 5 millimetri ogni anno.

    ILLUMINAZIONE E TEMPERATURA

    È bene tenere il Marimo lontano dalle luci intense, meglio se in penombra, dato che in natura solitamente vive al buio sul fondale del lago.